Il nuovo contratto non riduce la perdita del potere d’acquisto degli stipendi di collaboratori scolastici, assistenti e docenti